An Errant idea

[ENG below]
An Errant Idea (2019) è una riflessione sul valore del luogo storico, sul pellegrinaggio verso i luoghi della memoria. L’artista ha avuto accesso alle stanze private del Palazzo di Carpegna, un luogo storico nel Montefeltro in cui sono state custodite centinaia di opere d’arte durante l’occupazione nazista. Le tre stanze oggigiorno sono state trasformate in un grande scantinato rimasto inaccessibile al pubblico mentre l’impresa di Pasquale Rotondi accaduta proprio qui permane come mito, circola nelle informazioni della rete creando una conoscenza virtuale, astratta. Dalla preziosa presenza delle immagini abbiamo assistito alla dissoluzione e dispersione delle stesse. L’installazione di Francesca Mussi è visibile nel non-luogo per eccellenza del museo Maio e sfugge dalla consueta fruizione.
Sotto la foto l’artista aveva disposto un asciugamano con una scritta stampata a serigrafia che recita “A reminder of its former visual self” tratta di un articolo di Hito Steyerl “In Defense of the Poor Image”, come una nota “torno subito” di una persona che è dovuta scappare frettolosamente. L’asciugamano sembra in attesa di un nuovo ospite che passerà veloce solo per transitare in un altro luogo.

……………………………………

“An Errant Idea” (2019) is a reflection on the value of the historical place, on the pilgrimage to the places of memory. The artist had access to the private rooms of Palazzo di Carpegna, the building that kept hidden hundreds of works of art during the Nazi occupation. These three wide rooms are today left-apart storage places inaccessible to the public while their story remains as a myth. The famous Pasquale Rotondi’s rescue operation that happened in that place circulates in the information of the network creating a virtual, abstract knowledge.
The installation by Francesca Mussi at Museo Maio is visible in the non-place of the building: the lift, escaping from the usual-visible accessibility.
Under the photography the artist had placed a towel with a silk-screen print on it saying “A reminder of his ancient visual self”, from an article by Hito Steyerl “In defense of the poor image”, like a note “I’ll be right back” of a person who needs to escape quickly. The towel seems to be waiting for a new guest to pass quickly just to move to another place.