Voar

«Superare l’attrazione terrestre, lievitare, staccarsi dal suolo: un’aspirazione comune alla parapsicologia e all’astronautica»

(Umberto Eco, 1961)


[ENG below]

In una stanza fluttuano federe bianche di cuscino, lo spazio è pieno e chi entra può passare tra loro, come in un labirinto di fantasmi dimenticati.
Un bambino è stampato su ogni federa a cianotipia utilizzando la luce diretta del sole; è un’immagine che proviene da un vecchio archivio di diapositive mai sviluppate di famiglia degli anni 50. La particolarità di questa fotografia risiede nel fatto che nessuno dei parenti è stato in grado di riconoscere l’identità del bambino. Riprodurre il bambino ignoto su federe di cuscino usate e appartenute a persone diverse significa creare un mito, portare in vita un’identità che mai verrà scoperta, non sappiamo quanti sogni dimenticati può accompagnare un cuscino.

……………………………………………..

«Overcome the physics attraction, leavening, detaching from the ground: an aspiration common to parapsychology and astronautics»

(Umberto Eco, 1961)

There are lots of white floating pillow cases in a room, people can enter and walk around them. A blue baby is printed on each pillowcase using cinotype, a photographic technique that works with the sun light. That flying baby is an imagine founded in a box’s family’s souvenir, full of old undeveloped films from the 50s, it is particular because his identity could not be find by any member of the family. Thus, my intention is to exctract a lost character and repeat it on old pillows used by different people, where they had thousands of lost dreams.